Costi minimi. Uggè: Il rinvio del Tar, vittoria dell’autotrasporto

Il Tribunale Amministrativo del Lazio ha posticipato al 25 ottobre la decisione sul ricorso presentato dall’Antitrust in merito ai costi minimi di sicurezza. Siciliaway ha intervistato Paolo Uggè, Presidente Fai-Conftrasporto.

Oggi il Tar non ha deliberato in favore dell’Antitrust, rinviando ogni decisione. Cosa significa questo per la categoria?

 “Giocavamo fuori casa e abbiamo vinto uno a zero. Nel senso che la richiesta di Confindustria era quella di ottenere una sospensione, il Tar ha risposto di no, non trovando tutte le condizioni per arrivare ad una soluzione simile. Questo è per noi il riconoscimento che tutte quelle norme che l’Antitrust eccepisce non sono poi così evidenti come invece sostengono coloro che le hanno impugnate. Quello che emerge è questo: Confindustria porta avanti una posizione assurda, non accetta il confronto perché ci sono stati nove mesi di opportunità, e tutto questo perché non vuole introdurre dei punti di riferimento che diano sicurezza alla gente che si muove per le strade, che diano sicurezza ai lavoratori. Questo è un atteggiamento vergognoso e il presidente della Repubblica, che è giustamente intervenuto per difendere i lavoratori, io credo che dovrebbe essere coinvolto in questa querelle. Non è possibile che una norma del Parlamento per la sicurezza possa essere messa in discussione in modo così becero poiché questi signori mirano a guadagnare più soldi”.

 

Trasportounito sembra comunque deciso a perseguire la strada del fermo, come si comporterà la Federazione?

 “Io ritengo che noi dobbiamo valutare responsabilmente qual è la situazione. Il Paese è in difficoltà, è questo aspetto va considerato nelle decisioni che verranno prese. Certo che se il Tar si fosse pronunciato positivamente al ricorso, sfruttando questa sintonia singolare  che c’è tra l’Antitrust e Confindustria, e voglio sottolineare quanto questo sia preoccupante,  avremmo valutato la protesta. Avendo oggi ottenuto questa non decisione del Tar, prendendo atto di questo momento di difficoltà del Paese, dobbiamo risparmiare le forze della categoria, delle imprese e non coinvolgerle in una battaglia che è particolarmente onerosa non solo per la categoria ma per l’intero sistema Italia. Certamente c’è una cosa che preoccupa ed è quella che riguarda l’Ecobonus. L’Unione europea sostiene di avere chiesto all’Italia dei chiarimenti, noi ci siamo precipitati al ministero dei Trasporti e abbiamo scoperto che questa richiesta non è ancora arrivata. Quindi l’Ue sta giocando in modo non corretto. Quindi, noi ci troveremo domani a Milano per il Comitato esecutivo della Fai e della Conftrasporto, faremo una valutazione che porteremo giorno 3 all’esecutivo Unatras che è stato già convocato e decideremo insieme cosa fare. Auspico che continui il confronto con Trasportounito perché ritengo che un autotrasporto diviso è solo un autotrasporto più debole. Noi come Unatras prenderemo una decisione e proporremo a Trasportounito di condividerla. Inviteremo il sindacato di Longo a cercare una strada condivisa per salvaguardare la categoria”.

 In Sicilia la tensione è alta, soprattutto in merito alla questione Ecobonus 2010-2011.

 “Se l’autotrasporto siciliano deciderà di volersi fermare, e nel merito sentiremo i nostri rappresentanti locali, dobbiamo anche dire loro che i burocrati europei non è che si preoccupano molto se magari la Sicilia si ferma. Il blocco dell’isola rappresenterebbe adesso, e prima di tutto, solo un danno per sè stessa”.

Fonte: http://www.siciliaway.it/costi-minimi-ugg%C3%A8-fai-il-rinvio-del-tar-vittoria-dellautotrasporto/287342

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...