La settimana sindacale confederale dal 23 al 27 LUGLIO 2012

In sintesi i fatti della settimana.

Governo e categoria
Come già annunciato l’attività della settimana si è concentrata sul decreto della Spending Review e sugli sviluppi relativi all’iter del provvedimento al Senato.
Come sempre succede gli interventi non sono solo per proporre emendamenti a favore del settore ma anche iniziative atte ad evitare che vengano approvate norme che danneggiano la categoria. Come noi, ovviamente, anche chi non condivide le nostre idee si attiva.
Posso assicurarvi che il lavoro è stato intenso. I frutti li vedremo alla fine. Solo quando entreremo in possesso del testo licenziato definitivamente potremo dare un giudizio complessivo. Aspettiamo.
La ristrettezza dei tempi, quasi certamente, farà sì che il testo approvato diverrà definitivo in quanto con l’avvicinarsi della pausa estiva e con il rischio di scadenza del decreto legge, è quasi scontato che la Camera non dovrebbe apportare modifiche rispetto a quanto definito, salvo ovviamente i possibili incidenti di percorso che possono sempre verificarsi.
Avrete avuto modo di leggere il testo di un comunicato diffuso dall’Unatras con le dichiarazioni del presidente Del Boca. Talvolta alcuni interventi si rendono necessari proprio per evitare che danni maggiori abbiano a verificarsi. Le notizie diffuse circa le difficoltà oggettive ad adempiere da parte della Guardia di Finanza ha generato un bailamme di interpretazioni. A tale riguardo ricordiamo che da parte nostra non è stata avanzata alcuna richiesta. Da parte nostra l’interesse è ovviamente unico ed è quello che vi sia un organismo che effettui i controlli. Oggi le disposizioni lo prevedono e noi non siamo certamente disponibili a rinunciare a qualcosa di certo per l’incerto. Ne parleremo nelle prossime settimane in modo più dettagliato.
Ecco gli interventi che ci riguardano. Su proposta del sen. Ranucci, estensore del parere, l’VIII Commissione del Senato ha fatto propri gran parte degli argomenti segnalati dalle nostre associazioni; l’ordine del giorno presentato dal senatore De Toni impegna invece il Governo a rivedere tutta la regolamentazione attuale del trasporto merci; gli emendamenti presentati dai senatori PDL Zanetta, Cicolani e Bonfrisco hanno recepito le nostre proposte emendative mentre quello del senatore Tancredi, sempre PDL, annulla gran parte delle disposizioni sui costi della sicurezza.
Come si può notare questa è la parte degli emendamenti frutto del lavoro che, raccogliendo proposte e suggerimenti sono stati presentati, relativamente ai temi che più da vicino ci riguardano. Vi sono poi gli interventi del Governo sui quali occorre essere più attenti in quanto, proprio perché proposti dall’Esecutivo, sono solitamente inseriti in un maxiemendamento e approvati.
In settimana abbiamo anche avuto incontri e approfondimenti sulle norme derivanti dall’articolo 83 bis, sulle delibere dell’Osservatorio e la loro compatibilità con gli orientamenti comunitari. Scopo essere preparati per l’appuntamento del 25 ottobre, quando il Tar dovrà pronunciarsi.
Un dato sta sempre più emergendo in tutta la sua evidenza ed è che le nostre perplessità su alcune parti della normativa erano più che fondate ed averle introdotte, per spirito unitario, ha fornito gli elementi e motivazioni per gli interventi “ad opponendum” che sono stati presentati. Questo non significa che siano da condividere le ragioni di coloro che si sono opposti alle normative relative ai costi della sicurezza, ma, se vi fosse stata la disponibilità all’ascolto e fossero state valutate alcune delle perplessità da noi evidenziate, magari si sarebbe potuto evitare di fornire elementi sui quali si sono elaborate le iniziative di opposizione.
Forse sarebbe da valutare la necessità di un approfondimento da parte di tutti al fine di considerare l’opportunità di una possibile rielaborazione del testo per eliminare previsioni inefficaci e, senza mettere in discussione i principi fondanti della sicurezza, sopprimere aspetti inutili che rafforzano  in modo evidente le  prese di posizioni contrarie fino ad oggi registrate. Staremo a vedere.

Attività federative
Riunione al Comitato dell’Albo sulle tematiche internazionali e comunitarie nella giornata di martedì; mercoledì sono state illustrate le novità previste nel fondo di rotazione per le imprese di autotrasporto; giovedì riunione plenaria del Comitato Centrale dell’autotrasporto.
Sempre mercoledì si è tenuta la Presidenza confederale che ha affrontato le questioni connesse alle evoluzioni finanziarie ed economiche in atto. Sono  state approfondite e valutate anche i contenuti del decreto sulla Spending Review con gli argomenti riguardanti il nostro settore.

Considerazioni finali
Nella prossima settimana si dovrebbe di molto rallentare l’attività  parlamentare che si concentrerà sulla conversione del decreto in discussione al Senato sulla revisione delle spese. Di conseguenza anche la federazione seguirà tale impostazione, anche se saremo presenti. Speriamo di poter essere in condizione di fornire prima dell’avvio del periodo di sospensione delle valutazioni complete sui contenuti del provvedimento in discussione alle Camere. Certamente alla ripresa dopo il periodo feriale, ci troveremo di fronte a tanti e più gravosi impegni che cercheremo di seguire come sempre al meglio delle nostre possibilità e con l’impegno consueto.
Comunque per i saluti e gli auguri di rito ci ritroveremo nella prossima settimana nella quale si terrà martedì la riunione del Comitato di Presidenza della Fai.

Alla prossima.

Paolo Uggè

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...