La mafia si infiltra nell’autotrasporto? Fermiamola con la legge sui costi minimi

La mafia in Emilia-Romagna esiste, eccome. E viaggia anche sui camion

L’Emilia-Romagna non è terra di mafia ma la mafia c’è e rischia di colonizzare la regione. Si apre con queste parole il recentissimo Rapporto sulla mafia in Emilia-Romagna realizzato dalla Fondazione Antonino Caponnetto. Un rapporto che è un pesantissimo atto d’accusa secondo il quale ammonterebbe a circa 20 miliardi di euro il fatturato prodotto dai ben 49 clan che avrebbero messo radici nella regione finita nel mirino di 26 famiglie della ‘ndrangheta calabrese, di 13 legate alla camorra, di 7 di “cosa nostra”, di 3 alla sacra corona unita. Una mappa della criminalità organizzata “drammatica”, come ha detto Roberto Scalia, già membro della Dia e consigliere della fondazione intitolata all’ideatore del pool antimafia di Palermo, e che tocca diversi settori: dall’edilizia, ai pubblici esercizi fino all’autotrasporto. E proprio il nome di un noto imprenditore del settore autotrasporti, titolare di un’impresa proprietaria di oltre 30 mezzi iscritta alla Cna Fita di Reggio Emilia, figura in una “informativa  antimafia atipica” del ministero dell’Interno che getta nuove ombre sul possibile rapporto fra mafia e autotrasporto. Uno dei tanti episodi (come i nove attentati , i 221 danneggiamenti  seguiti da incendi dolosi, e altri episodi considerati dagli investigatori “reati spia” di possibili infiltrazioni mafiose sul territorio) che hanno spinto il presidente della Camera di commercio di Reggio Emilia, Enrico Bini, a lanciare l’invito a “non abbassare la guardia, perché i rischi di infiltrazione della criminalità organizzata aumentano decisamente in presenza di una crisi economica che rende tante aziende in difficoltà ancora più esposte rispetto a chi è pronto a creare, con minacce e ritorsioni, paure e fragilità, e a maggior ragione sa bene come sfruttarle anche quando si generano per altre ragioni”.

La mafia si infiltra nell’autotrasporto? Fermiamola con la legge sui costi minimi

“La mafia nel trasporto è una realtà che trova oggi una dolorosa conferma nel coinvolgimento di un imprenditore di Reggio Emilia dell’autotrasporto. Purtroppo avevano ragione la presidente della Fita, Cinzia Franchini, e il presidente della Camera di Commercio, Enrico Bini, che da tempo avevano evidenziato il rischio di infiltrazioni mafiose nel settore”. Con queste parole Paolo Uggè, presidente nazionale di Fai Conftrasporto, ha commentato la notizia secondo la quale il nome del titolare di una nota impresa di autotrasporti dell’Emilia-Romagna, aderente alla Cna Fita e a un’importante cooperativa, figurerebbe in un’informativa antimafia del ministero dell’Interno. “La nuova conferma della presenza, sempre più allarmante, della mafia anche nel mondo dell’autotrasporto, nell’Emilia-Romagna come del resto in molte altre regioni, con un’infiltrazione che avviene, in imprese o cooperative,  mediante la pratica di “tariffe stracciate con ribassi ingiustificati” nelle prestazioni di trasporto”, ha aggiunto Paolo Uggè, “ci spinge ad avanzare un invito a Cna Fita perché sottoscriva il protocollo di legalità che Conftrasporto ha da quasi un anno concordato con il ministero dell’Interno. Un documento nel quale si prevede che tra gli indicatori atti a evidenziare la possibilità della presenza malavitosa vi sia proprio il rispetto dei costi incomprimibili, rispetto che eviterebbe proprio quelle offerte al ribasso che sono il grimaldello utilizzato dalla mafia per riuscire a inserirsi nel settore”.

Fonte: Stradafacendo.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...