La sicurezza non può essere messa a repentaglio. Conftrasporto pronta ad agire con determinazione, anche da sola

La decisione al termine del seminario confederale svoltosi a Bergamo

Un mandato chiaro ed inequivocabile quello che gli imprenditori di conftrasporto hanno dato mandato ai loro leaders. I costi della sicurezza, così come definiti dalla legge 32/05 e del decreto legislativo n.286, non possono essere messi, oggi in discussione. Le disposizioni vigenti non solo offrono certezze a cittadini ma introducono cambiamenti strutturali nelle imprese stesse.

Per questo vanno difesi ad ogni costo, anche se altri non dovessero condividerlo.

Conftrasporto è convinta che la sezione del Tar, che il 25 0ttobre dovrà pronunciarsi sul ricorso presentato dalla committenza sulle normative afferenti i costi minimi della sicurezza, non voglia smentire se stessa, né tantomeno i punti fermi già riconosciuti da sentenze della Corte di Giustizia Europea, sulla prevalenza degli interessi collettivi rispetto a quelli economici.

Se però così dovesse essere, dal 26 ottobre Conftrasporto aprirà un confronto su tutto il territorio nazionale per coinvolgere gli operatori nell’attuazione dell’iniziativa di autotutela che sarà decisa, per dare alla categoria l’opportunità di mantenere un sistema che tutela e introduce elementi per la crescita della categoria

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...