La settimana sindacale confederale dal 28 GENNAIO al 01 FEBBRAIO 2013

UggeIn sintesi le principali attività della settimana.

Situazione generale

Momento estremamente delicato in quanto le turbolenze della campagna elettorale si scaricano sui rapporti tra categoria, pubblica amministrazione e forze politiche.
Sono state chiarite le iniziative che puntavano a  dare interpretazioni legislative che avrebbero potuto generare fraintendimenti agli operatori del settore. Qualcuno, con grande abilità, occorre riconoscerlo, ha provato attraverso quesiti su aspetti di legge a precostituire interpretazioni forzate, non considerando le conseguenze che si sarebbero potute determinare sia per le imprese che per i funzionari pubblici che non sono i depositari delle interpretazioni autentiche di norme di legge. Noi vogliamo ribadire la nostra profonda considerazione nei confronti dei dirigenti pubblici e per questo offriamo sempre la nostra disponibilità per favorire un clima di collaborazione. Resta inteso che i ruoli sono profondamente differenti noi tuteliamo interessi di parte, loro quelli dello Stato. Proprio per questo la condivisione e il confronto senza prevaricazioni o fughe in avanti ci sembra la strada da continuare a perseguire. Fino a che non saremo indotti a comportarci diversamente a questo ci vogliamo attenere. Ma non dipende solo da noi.
Una difficoltà sembra insorgere per quanto riguarda la ripartizione dei fondi destinati al settore da parte del Ministero dell’Economia che ha avanzato dubbi sull’entità delle quote assegnate alle singole voci da ripartire.
Non scherziamo con il fuoco! Non sono stati gli operatori del trasporto a fornire cifre sballate. Il tutto risulta dai documenti di bilancio che attestano “il tiraggio” delle singole voci.  Le perdite di tempo non possono essere accettate soprattutto in momenti così delicati per le imprese.
Martedì la presidenza Unatras si riunirà e affronterà la questione. Penso che la richiesta di un incontro a breve di chiarificazione con tutti i soggetti interessati si renda indispensabile.
Non possiamo dimenticare inoltre che ancora non pervengono notizie circa le disposizioni sui controlli che devono coordinare gli interventi delle singole realtà ad essi adibite.

Manifestazione Rete Imprese Italia

Si è svolta con grande partecipazione su tutto il territorio nazionale la manifestazione che Rete Imprese Italia aveva annunciato. Nel documento elaborato sono inserite questioni che attengono anche al mondo dei trasporti. Noi non rinunceremo per questo a ricercare, come in ogni occasione di competizioni elettorali, il confronto con tutte le forze politiche.  Il documento da noi predisposto verrà verificato per una possibile ed auspicabile posizione comune, nel corso della presidenza Unatras. Auspichiamo che lo spirito sia quello di voler ricercare una posizione comune.
In caso contrario Unatras deciderà come comportarsi e noi conseguentemente assumeremo le nostre iniziative sperando di aver raggiunto una sintonia che dimostri l’unità di intenti.

Esecutivo Unatras

L’esecutivo tenutosi martedì ha eletto il presidente Unatras per il prossimo periodo ed il segretario generale. Alla presidenza è stato chiamato il presidente Fai, mentre alla segreteria il segretario della Fita Cna.
I momenti che ci attendono saranno certamente difficili da gestire. L’obiettivo è la tutela al meglio degli interessi del settore. Auspichiamo che i veti incrociati non rendano più difficili la ricerca di soluzioni. Noi ce la metteremo tutta.

La campagna elettorale

Come deciso nei nostri organismi diffonderemo il documento che è stato elaborato dopo aver ricevuto e considerato le varie proposte di integrazioni o modificazioni. E’ nostra intenzione, in perfetta sintonia con quanto sopraddetto, ricercare una linea comune sui problemi dell’autotrasporto ben sintetizzati nel decalogo.
Dopo la riunione di martedì Conftrasporto prenderà gli opportuni contatti e chiederà il confronto con tutte le forze politiche alle quali sottoporrà il proprio documento. In base alle risposte ricevute apriremo un confronto con le imprese aderenti segnalando quelle che saranno state le forze politiche che avranno trovato con il nostro mondo punti in comune.
Faremo campagna elettorale non per una o più forze politiche. Ma inviteremo gli operatori del settore a valutare se rispetto alle scelte di appartenenza non si rendano, oggi, più necessarie quelle di convenienza. I momenti difficili ci costringono a scegliere questa strada. In gioco vi è la sopravvivenza delle nostre imprese, il nostro futuro.
Da soli non si ottiene nulla e se qualcuno lo ottiene al primo cambiamento rischia di perdere il privilegio ricevuto. Tutti insieme attraverso un patto sottoscritto possiamo difenderci meglio ed essere più forti.
Per questo indicheremo le forze politiche che chiaramente avranno assunto impegni con noi, già dicendo loro che li seguiremo passo passo per segnalare le eventuali inadempienze. Nessuna preclusione precostituita ma valutazione sui fatti. Questa la nostra proposta.
Gli impegni settimanali

Manifestazione con partecipazione di nostri gruppi dirigenti nella giornata di lunedì; martedì esecutivo Unatras; venerdì riunione della commissione sindacale.

A presto.

Paolo Uggè

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...