La settimana sindacale confederale dall’11 al 15 FEBBRAIO 2013

UggeIn sintesi le iniziative della settimana

Situazione generale

Dopo la riunione della scorsa settimana si sta seguendo con particolare attenzione l’iter che dovrebbe portare alla sottoscrizione del nuovo decreto per la ripartizione delle somme messe a disposizione del settore, dopo la ridefinizione chiesta dal ministero dell’Economia. Il Dipartimento Trasporti si è attivato prontamente ed una prossima riunione è stata convocata per venerdì 22 allo scopo di accelerare le procedure amministrative legate alla ripartizione dei fondi.
La settimana è stata dominata dalla questione neve e dalle assurde decisioni assunte che hanno in modo evidente danneggiato l’attività della nostra categoria. La nostra federazione è intervenuta nella sera di domenica, non appena avuta notizia delle ordinanze delle prefetture, sia diffondendo comunicati e sms, sia con energiche prese di posizioni.
Questo non è servito a bloccare l’iniziativa e sul territorio si sono verificati episodi che ancora una volta hanno messo in ridicolo il nostro Paese ma soprattutto generato danni economici alle imprese.
Come già comunicato ci siamo attivati con i nostri legali per verificare le possibilità di mettere in atto una class action. Le associazioni collegate al sistema trovano il parere del legale relativo alla possibilità che l’azione possa essere effettuata.
Si fa presente comunque che ogni iniziativa che sarà assunta dovrebbe essere coordinata e, a nostro avviso, condotta con il supporto di chi ha la rappresentanza sindacale della categoria. Non lasciamo le imprese sole.
Risultano alla scrivente iniziative condotte da uffici legali che prendono contatto con gli operatori al fine di avviare iniziative di tutela. Invitiamo le nostre realtà aderenti a volersi mettere a disposizione per dare agli eventuali interessati una assistenza qualificata.
Un conto è l’azione tendente a vanificare gli effetti sanzionatori (sanzioni e ritiro documenti) che va condotta immediatamente (30 gg) per salvaguardare gli interessi delle imprese. Un conto sono le iniziative da assumere nei confronti dei tribunali amministrativi, nei confronti dei quali occorre agire in modo coordinato, impugnando le ordinanze emesse al fine della richiesta danni.
Le nostre strutture aderenti, se coinvolte, si mettano a disposizione degli associati e, questo non va dimenticato, facciano pervenire copia di quanto attuato alla segreteria della federazione o prendano contatto con lo studio legale della stessa.
La nostra federazione segnala che lo studio Callipari,che intrattiene da anni rapporti con la scrivente è ovviamente a disposizione per quanti volessero avviare un azione di risarcimento e un contenzioso con i vari Tar che con i giudici di pace.
Date queste informazioni, invitando ad una attenta valutazione gli interessati, si conferma che sulla vicenda verrà assunta una iniziativa politica non appena si troverà un interlocutore in grado di poter essere tale. Oggi pur con tutta la buona volontà il governo è in carica formalmente ma senza avere il necessario peso politico.

Le risposte dei partiti

Come già annunciato abbiamo inoltrato ai partiti che si confrontano nella competizione elettorale il documento Unatras sulla politica dei trasporti. Conftrasporto ha ritenuto divulgare anche il testo che la commissione trasporti della confederazione, che abbraccia anche altri comparti del trasporto, ha approvato.
Ad oggi è pervenuta la risposta del Pd a firma del segretario Pier Luigi Bersani che pubblicheremo in tempo utile, unitamente alle altre dichiarazioni che dovessero pervenire. E’ nostra intenzione in vista del passaggio elettorale rendere edotti gli operatori del settore, in modo asettico, sulle singole posizioni dei partiti. Abbiamo detto e ribadito che mai come in questa occasione sia importante che gli operatori facciano scelta legate agli interessi del settore. L’esempio recente del blocco neve dovrebbe insegnare qualche cosa. Se al Governo vi saranno forze politiche che ritengono giusto ostacolare il trasporto su gomma o pensano di non confrontarsi con le rappresentanze del trasporto, non potremo attenderci molto. Da qui la nostra scelta responsabile di mettere in condizione gli operatori del settore dei convincimenti sui trasporti delle singole forze politiche.
Chi deciderà di estraniarsi dalla competizione e non scegliere, non potrà lamentarsi dopo.
E’ ovvio che il nostro mondo può essere determinante o meno, dipende da noi esserlo.
Partecipando al voto almeno si eviterà di dover sentire il rimorso per non aver contribuito a scegliere il nuovo Governo.

Il convegno Confindustria e Confetra

Cosa pensino della situazione del trasporto in generale non è apparso molto chiaro dai lavori del convegno organizzato dalle confederazioni sopra citate. Sulla politica generale dei trasporti poco o nulla è emerso dalle relazioni presentate. Ciò che è apparso evidente è che lo scopo del convegno era di contestare il sistema dei costi della sicurezza e presentare alle forze politiche, lì convenute, le loro proposte.
Ecco un modo corretto di esporsi con chiarezza e di far conoscere le proprie idee su quello che legittimamente si pensa. Noi non concordiamo su molte cose contenute nelle relazioni, anzi su quasi nulla. Ma ciò che risulta positivo è sapere con chiarezza cosa pensano Confindustria e Confetra sul tema della sicurezza e sui costi minimi.
Chi lo ritiene potrà leggere un mio resoconto sulla giornata. Anche qui dico subito a qualche amico che dissentirà che nessuno è obbligato a condividere le mie riflessioni. Sono certo che queste siano il frutto di tanti confronti effettuati con i nostri operatori. Se vi sono dissenzienti, ma del resto credo di poter dire che probabilmente esistono anche all’interno della confederazioni dell’Utenza (tutti si rammenteranno delle dichiarazioni più volte rilasciate dall’amministratore delle Ferrovie), non ce ne stupiamo. Chi rappresenta una realtà associativa deve essere il portatore della linea emersa dagli organismi deliberanti. Le posizioni espresse appartengono a questa logica. Le personalizzazioni o le linee personalistiche appartengono ad altre culture.

Gli impegni settimanali

Alcuni contatti di approfondimento tra i componenti della commissione sindacale che sta seguendo con particolare impegno la fase del rinnovo contrattuale; martedì riunione dell’Albo sulla direttiva pedaggi; giovedì incontro al Dipartimento sui trasporti internazionali e all’Albo sul comitato tecnico sull’informazione.

Alla prossima.

Paolo Uggè

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...